.  
 
         
S.P.D. - Società di Psicologia delle Dipendenze
La Società di Psicologia delle Dipendenze, associazione scientifica di promozione sociale, è stata fondata nel 1994 ed è nata dal desiderio di riunire gli psicologi interessati ed attivi nel campo delle dipendenze patologiche e non, con la finalità di contribuire allo sviluppo della Psicologia delle Dipendenze.
La S.P.D. si rivolge soprattutto a psicologi operanti nei Ser.T., nelle Comunità Terapeutiche pubbliche e private, nelle Case di Reclusione e Circondariali e a tutti i professionisti che si occupano direttamente e indirettamente degli aspetti scientifici ed operativi delle varie forme di dipendenza patologica.
In questi anni particolare attenzione è stata dedicata all'aggiornamento ed alla formazione, organizzando convegni, seminari, gruppi di lavoro, corsi. Infine i soci, in regola con la quota associativa annuale, usufruiscono di uno sconto del 20 % sulle attività organizzate dalla Associazione.
 
Società di Psicologia delle Dipendenze - Via B. Cristofori, 25
35137 Padova - e-mail: psico.dipendenze@libero.it
fax 0425/606030 C.F. e P.IVA 03852010283

     
Gruppo e dipendenza patologica - Nuove tecniche per "nuovi" pazienti
direttore del Convegno: Irmo Carraro
19 Novembre 2004
PADOVA - Casa del Fanciullo
 

 

 

 

Il presente Convegno si rivolge agli operatori pubblici e privati (psicologi, medici, assistenti sociali, educatori ed infermieri) che lavorano nel campo delle "nuove" forme di addiction

 
Questi "nuovi" pazienti presentano un fragile assetto narcisistico di base che impedisce loro di lasciarsi andare all'esperienza di relazione, costringendoli a cercare da soli ciò che gli manca. In tal modo si creano chiusure autarchiche, bisogni perversi di dipendenza, varie forme di addiction che rendono difficile e doloroso il rapporto con il mondo.
 
Questi soggetti, ansiosi o apatici, di stile ipoma-nico o depressivo che siano, hanno bisogno di nuovi modi e tempi diversi per incontrare i loro terapeuti. Questi, a lo-ro volta, hanno bisogno di nuove teorie e di nuovi stili terapeutici per porsi in relazione con loro.
 

La strategia gruppale sembra costituire una efficace modalità terapeutica che permette a tali soggetti di modulare la propria distanza e apertura relazionale a seconda delle proprie risorse personali. Il gruppo terapeutico offre, infatti, loro la possibilità di diversificare e regolare la propria intensità emotiva e modalità partecipativa all'interno di uno spazio terapeutico di pari, in rapporto ai propri bisogni di distanziamento oggettuale. In tal modo si possono evitare, in parte, i rischi di ripetute ricadute sintomatiche, precoci abbandoni della terapia o assunzione di pericolosi atteggiamenti difensivi di diniego del bisogno di aiuto.

 
Con un taglio chiaramente clinico/operativo, nel Convegno vengono presentate, attraverso relazioni e videoregistrazioni, alcune esperienze di intervento gruppale breve o a termine con giovani consumatori di sostanze psicoattive e due diversi approcci di gruppo (a tempo-limi-tato e a lungo termine) con giocatori d'azzardo
 
Una tavola rotonda, che si interroga sugli inter-venti terapeutici più efficaci con questi "nuovi" dipendenti, conclude l'iniziativa formativa.
   
 
Programma
8.30
Iscrizioni al Convegno
   
9.00
Presentazione del Convegno
  Daniela Orlandini
   
9.10
Gruppo Terapeutico e "nuovi" consumatori di sostanze
  Irmo Carraro
   
9.30
Vignetta di gruppo terapeutico con "nuovi" consumatori di sostanze
  Giampietro Ricci
   
9.50
Esperienze di gruppo in ambito scolastico con "nuovi" consumatori di sostanze
  Vito Sava
   
10.10
Dibatito con i tre relatori
  Pausa caffè
   
11.15
lavori in piccoli gruppi su problemi ed esperienze di gruppo con "nuovi" consumatori di sostanze
   
12.30
Riunione plenaria
   
13.00
Pausa Pranzo
   
14.00
Il gruppo terapeutico a lungo termine con Giocatori d'Azzardo
  Rolando De Luca
   
14.30
Il Gruppo terapeutico a tempo-limitato con i Giocatori d'Azzardo
  Amelia Fiorin
   
15.00
Dibattito con i due relatori
  Pausa Caffè
   
15.45
Tavola Rotonda: Quali strategia terapeutiche con i "nuovi" dipendenti?
  Irmo Carraro, Rolando De Luca, Amelia fiorin, Giamietro ricci, Vito Sava
  Discussione
   
16.45
Raccolta questionari di verifica e gradienza
   
17.00
Conclusione dei lavori
   
   
   
  NOTE INFORMATIVE
  Quota di iscrizione: 54 euro (IVA compresa * )
Studenti e tirocinanti: 35 euro (IVA compresa)
   
  Sede Convegno: Casa del Fanciullo vicolo Santonini, 12
Padova (dietro la Basilica del Santo, accesso da Piaz-
zale Pontecorvo per via Ravagnana. Parcheggio interno)
   
  CLICCA QUI PER SCARICARE IL VOLANTINO DEL CONVEGNO CON LA SCHEDA DI ISCRIZIONE E IL PROGRAMMA.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RELATORI
 
Irmo Carraro
Psicologo Psicoterapeuta, Ser.T. Mestre (VE)
Psicoanalista C.I.P.A. di Parigi
 
Rolando De Luca
Psicologo Psicoterapeuta, libero professionista
Campoformido (UD)
 
Amelia Fiorin
Psicologo Psicoterapeuta, Ser.T. Castelfranco Veneto (TV)
 
Daniela Orlandini
Psicologo Psicoterapeuta, U.O. Prevenzione Dipartimento per le dipendenze Az. ULSS 12 Veneziana
 
Giampiero Ricci
Psicologo Psicoterapeuta, Ser.T. di Dolo (VE)
 
Vito Sava
Psicologo Psicoterapeuta, Ser.T. Cittadella (PD)
Coordinatore del Gruppo di Studio "Tossicodipendenze" AS.VE.G.R.A.