16/12/2014
 Jamma.it
  
 Ragusa, un corso dell’Asp per affrontare problematica Gap
  
 

(Jamma) – È da circa dieci anni che l’Asp 7 Ragusa ha iniziato la formazione degli operatori dei Ser.T. sulla problematica del GAP (Gioco d’Azzardo Patologico). Nel maggio del 2003, quando ancora non si sapeva che cosa fosse il GAP, a Ragusa si organizzò un corso con i principali formatori nazionali riconosciuti, oggi, in tutto il mondo (Riccardo Zerbetto, Mauro Croce e Rolando De Luca).

Continuando in questa direzione, ha organizzato un evento formativo – in programma per il 18 dicembre 2014, alle ore 9.00, presso la sala conferenze dell’ospedale Guzzardi di Vittoria – proprio allo scopo di fornire gli strumenti utili per affrontare la problematica della dipendenza da gioco d’azzardo. Perché il gioco d’azzardo nella sua espressione patologica è un fenomeno prevenibile e riducibile. E l’efficacia degli interventi è strettamente legata alla tipologia di assistenza a cui assegnare le varie categorie di soggetti esposti.

“Il problema” ha detto il dr. Giuseppe Mustile, direttore del Sert di Vittoria: “sta assumendo dimensioni sempre più gravi, interessando fasce giovanili, oltre che anziane, già molto spesso a rischio per uso di sostanze stupefacenti e consumo di alcol”.

“Non è un caso”, continua Mustile: “che in termini relativi, i tre Ser.T. della nostra provincia hanno in carico in percentuale, rispetto agli abitanti, il maggior numero di utenti per gioco d’azzardo. Lo dicono i numeri: 1069 utenti trattati in tutti i 52 Ser.T. siciliani, nel dicembre del 2013, e ben 130 solo nei Ser.T. di Vittoria, Ragusa e Modica. Il lavoro sul territorio ha dato molti risultati e continueremo nel 2015 con l’Osservatorio provinciale sul GAP. Il fatturato dei giochi legali in Sicilia è di 5,5 miliardi di euro l’anno ed in provincia di Ragusa è di circa 300 milioni di euro l’anno“.

Scritto da: Jamma Cronache