.  
 
   
Messaggero Veneto, 16/12/2017  
 
Nuovi incentivi per premiare i bar "virtuosi"  
 
   

Gratta e vinci, slot machines, bingo e videopoker: nel 2017 è cresciuto il giro d’affari in Friuli. Per contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo patologico, il Consiglio regionale ha inasprito le regole per gli esercizi commerciali che favoriscono il fenomeno. E se da un lato c’è una maggiore pressione fiscale sui bar che hanno slot dall’altro la Regione mette in campo agevolazioni per i locali che fanno a meno delle macchinette. La normativa, però, non basta. Come si legge sul sito dell’Osservatorio regionale sulle dipendenze, il legislatore ha voluto puntare molto all’educazione delle giovani generazioni, favorendo lo sviluppo di buone pratiche relazionali (uno dei “punti deboli” dei giocatori d’azzardo è proprio la scarsa affettività) e la creazione di programmi scolastici specifici. Il gioco e la voglia di superarsi, infatti, «non è di per sè negativa.
L’imbroglio nasce quando l’idea di farcela cancella la consapevolezza della conseguenza, ovvero che perdere è inevitabile», spiega Silvana Cremaschi, neuropsichiatra e consigliere regionale Pd. Uno degli emendamento alla legge prevede anche un concorso di idee rivolto alle scuole superiori del Fvg, volto alla creazione di un marchio da rilasciare agli esercizi pubblici, commerciali, ai circoli privati e ad altri luoghi di intrattenimento “Slot-Free-Fvg”.

 
   
d.l.
 
   
  ritorno all'elenco